L’artista amico di Michelle Obama nei guai: ha copiato il murale da internet

Il grande murale dedicato a Michelle Obama? Un’opera tarocca, nello stile della sinistra liberal americana. Tutto fumo e poco arrosto, per di più rubato. È infatti polemica a Chicago a causa della moglie di Barack Obama. Le ragioni, però, non sarebbero politiche, ma legate ad accuse di plagio. Tutto nasce da un murale dell’ex first lady degli Stati Uniti, ritratta come un’antica regina egizia, dipinto nel quartiere di Chicago dove la futura moglie del primo presidente nero della storia americana è cresciuta.

Michelle Obama come una regina egizia: l’idea è stata presa da Instagram

Autore dell’opera è l’artista Chris Devins, accusato di aver copiato in realtà un’immagine pressoché identica postata su Instagram da una studentessa di arte del Rhode Island, Gelila Mesfin. «Come puoi rubare il lavoro artistico di qualcun altro, di qualcuno che ha lavorato duramente e sostenere che sia il tuo – ha scritto la studentessa sul social network, all’indomani dell’inaugurazione del murale, venerdì scorso – è così demoralizzante e irrispettoso». Ma in un’intervista alla Cnn, Devins ha respinto le accuse di plagio, sostenendo di non essere a conoscenza del lavoro della Mesfin prima della scorsa settimana e di aver appreso della sua opera solo dopo che qualcuno su Instagram gli ha parlato delle accuse.