“La Perego non è responsabile dell’errore”. Ora alla Rai chi pagherà?

Prosegue la polemica su Parliamone sabato, la trasmissione tv chiusa in fretta e furia dalla Rai dopo che esponenti politici di sinistra erano insorti per i contenuti della trasmissione, considerati sessisti dai soliti soloni. “Con assoluta certezza posso affermare che l’ad Antonio Campo Dall’Orto ritiene che l’errore non è imputabile a Paola Perego e lo scrive. Quindi? Cosa succede?”. Con un tweet Lucio Presta, agente televisivo e marito di Paola Perego torna sulla chiusura del programma Parliamone sabato, che nella puntata inciminata si era occupato delle donne dell’Est, facendo capire di essere in possesso di uno scritto in cui il dg scagiona la conduttrice. “Ci può dire allora – prosegue Presta in un altro tweet – a chi è imputabile? Così, tanto perché non finisca all’italiana”. Dopo la chiusura del programma, altri responsabili della trasmissione, tra cui il capostruttura di Rai1 Raffaella Santilli, avrebbero ricevuto una contestazione disciplinare ed avrebbero risposto ricostruendo tutta la filiera delle responsabilità. All’indomani della vicenda anche il senatore di Forza Italia Maurizio Gasparri aveva chiesto di individuare i veri responsabili.