La banda dei falsari: un milione e mezzo di euro nel campo Rom

Dal produttore al consumatore: soldi falsi, tanti, spacciati in giro per la Lombardia ma anche all’estero, oltre i confini nazionale. I Rom con le banconote false si davano da fare, lo hanno scoperto i carabinieri del Comando Provinciale di Milano che hanno effettuato una serie di perquisizioni presso i campi nomadi della città e della provincia: i militari di Vimercate sono intervenuti presso l’insediamento di via per Trezzo, nella periferia cittadina, dove sono stanziati 3 nuclei famigliari di etnia rom. Il dispositivo dispiegato sul posto ha visto operare i militari della compagnia coadiuvati dalle unità cinofile del Nucleo di Casatenovo (Lc).
Nel corso delle perquisizioni nelle baracche e nelle roulotte i carabinieri hanno scoperto, all’interno di un caravan in disuso adibito a magazzino, una macchinetta contabanconote e una valigia contenente banconote false riportanti la dicitura ”fac-simile” per 1 milione e 250 mila euro (in tagli da 500 e da 50), 130 mila franchi svizzeri (in tagli da 1.000) e 30 mila dollari americani (in tagli da 100). Sono in corso accertamenti per risalire alla proprietà delle
banconote, alla loro provenienza e destinazione. Nel corso delle operazioni sono state identificate 15 persone (5 uomini, 2 donne e 8 minori).