Italia sempre più violenta: è morto il giovane accoltellato in discoteca

Italia sempre più violenta. Il sangue funesta la movida notturna dei ragazzi.  Non ce l’ha fatta il giovane colombiano colpito con diversi fendenti davanti a una discoteca di Brescia. E’ spirato nel pomeriggio dopo essere  stato ricoverato all’ospedale Poliambulanza dove è stato operato d’urgenza all’addome ma le sue condizioni sono apparse subito gravissime. 

Gli inquirenti stanno cercando di risalire all’aggressore  che è riuscito a dileguarsi prima dell’arrivo dei soccorsi. Dalle prime testimonianze sembra che l’aggressore del giovane  avesse anche lui trascorso la notte nella discoteca. 

E’ purtroppo una caso ricorrente in Italia. La violenza gratuita che si scatena in mezzo ai giovani  sembra seguire lo stesso schema perverso.  Anche a Brescia (come accaduto ad Alatri) la lite sarebbe scaturita da un diverbio all’interno della discoteca. La polizia in questo momento sta dando la caccia all’aggressore. Il giovane  aveva precedenti penali e non si esclude la pista di un regolamento di conti.

Resta comunque il fatto che la ferocia gratuita tra i giovani sta superando il livello di guardia. Siamo quasi all’allarme sociale, complice l’insufficiente presenza dello Stato sul territorio, complice anche la caduta della funzione educativa della famiglia, che dovrebbe  rappresentare il primo argine  ai comportamenti devianti dei ragazzi, complice soprattutto il venir meno la certezza della pena e la sensazione di impunità che si diffonde nel tessuto civile. In questo clima, l’Italia non certo permettersi i tagli nel comparto sicurezza attuati dagli ultimi governi.