I sondaggi (ora) danno la Le Pen per sconfitta. Lo dissero anche di Trump

Un copione già visto nel rush finale delle elezioni americane. Bombardamenti tv anti-Trump e sondaggi deprimenti per The Donald. Ironie e proteste. Lo stesso sta accadendo in Francia. Proteste contro Marine Le Pen, criminalizzazione del partito, toghe che entrano a gamba tesa e, ciliegina sulla torta, sondaggi a tre giorni dalle urne. Naturalmente negativi per la candidata del Front National.

I sondaggi messi in giro a un passo dal voto

Tutti, da sempre, danno Marine Le Pen sicura al ballottaggio. Del resto, che lei abbia un forte consenso popolare è indiscutibile. Così com’è indiscutibile che questo consenso sia solido. Ma guarda caso, proprio in vista del traguardo Marine va al ballottaggio ma staccata addirittura del tre per cento dal Emmanuel Macron. In dati del sondaggio Harris Interactive per France Télévisions rimbalzano su tutti i media. Emmanuel Macron raccoglierebbe il 25% delle preferenze, un punto percentuale in più rispetto alla settimana scorsa. Marine Le Pen dovrebbe accontentarsi del secondo posto, restando ferma al 22%. Ma attenti, François Fillon e Jean-Luc Mélenchon stanno recuperando, entrambi sono al 19%. Perde mezzo punto Benoit Hamon, al 7,5%.

Guarda caso, tracollo al ballottaggio…

Ma non finisce qui. Se Marine Le Pen andasse al ballottaggio perderebbe di brutto. Al secondo turno, sempre secondo il sondaggio, Emmanuel Macron otterrebbe infatti il 66% dei voti contro il 34 della leader del Fn, Che perderebbe pure con François Fillon (al quale andrebbe il 58% dei voti) e con Jean-Luc Mélenchon (60%). Qualcosa non torna visto «l’allarme mondiale» per l’eventuale vittoria di Marine Le Pen. Come non tornava con i sondaggi diffusi sulla sicura sconfitta di Trump.