Gerusalemme, studentessa inglese accoltellata sul tram da un palestinese

Una studentessa britannica di 23 anni è stata uccisa a coltellate da un palestinese mentre si trovava su un tram a Gerusalemme, vicino alla città vecchia. Lo riferiscono i media israeliani. Bloccato dalla polizia, l’aggressore è stato arrestato e identificato come Jamil Tamimi, 57 anni, residente a Gerusalemme est. A quanto riferiscono i servizi interni dello Shin Bet, l’uomo soffriva probabilmente di problemi mentali. Quest’anno, Tamini aveva cercato di suicidarsi inghiottendo una lametta mentre si trovava in ospedale. Nel 2011 era stato condannato per aggressione sessuale alla propria figlia. Al momento non è stato reso noto il nome della giovane britannica uccisa. Secondo i media era una studentessa di 23-25 anni, apparentemente venuta in Israele come turista. Ferita gravemente dai colpi di un coltello di cucina, è spirata poco dopo l’arrivo in ospedale. Due persone, fra cui una donna incinta, sono rimaste leggermente ferite a causa della brusca frenata d’emergenza del tram seguita all’attacco.

Il palestinese ha ucciso con un coltello da cucina

L’aggressione è avvenuta mentre a Gerusalemme sono state rafforzate le misure di sicurezza in occasione delle festività per la Pasqua ebraica e cristiana. L’ambasciata britannica ha fatto sapere di essere in contatto con le autorità israeliane in merito all’attacco, ma non ha aggiunto altri dettagli. Dura condanna del presidente israeliano Reuven Rivlin dell’uccisione della giovane studentessa britannica. “Il terrore non distruggerà mai le nostre vite”, ha detto Rivlin commentando l’attacco, avvenuto mentre migliaia di pellegrini ebrei e cristiani si trovano a Gerusalemme per celebrare la Pesach e la Pasqua. Bloccato dalla polizia, l’aggressore è stato arrestato e identificato come Jamil Tamimi, 57 anni, residente a Gerusalemme est. A quanto riferiscono i servizi interni dello Shin Bet, l’uomo soffriva probabilmente di problemi mentali.