Gabrielli: il problema criminalità aggravato dalle norme svuota-carceri

Il dibattito sulla legittima difesa  “rischia di far perdere di vista l’altro problema” e cioè che “i  delinquenti devono stare in galera. Principio allontanato, nel corso  degli anni, da norme svuota-carceri e semplificazione delle procedure  che, alla fin fine, mettono in circuito certi soggetti”. Così in un  intervento sul quotidiano Il Tempo il prefetto Franco Gabrielli,  Capo della Polizia.

 “Non sono assolutamente convinto”, dice Gabrielli, “che aumentare  l’ambito dell’azione della legittima difesa sia una soluzione”. Detta dal Capo della Polizia, è un’affermazione più che logica. Però il problema della sicurezza dei cittadini rimane, anche perché in molti casi lo Stato è purtroppo lontano. Gabrielli ribadisce il concetto, caro Max Weber, dello Stato come detentore del monopolio legittimo della della forza: “Sono  un convinto assertore, anche perché culturalmente lontano anni luce  dalla concessione ai cittadini di farsi giustizia da soli, del fatto  che l’esercizio della forza sia in capo alle Istituzioni, che un po’  furbescamente, nel momento in cui non sono in grado di esercitare  correttamente la forza, la scaricano anche da un punto di vista della  responsabilità morale”.

Secondo Gabrielli, “il tema oggi, in questo Paese, è la  certezza della pena, il fatto che le persone debbano scontarla tutta.  E se non ci sono carceri, costruiamo carceri nuovi”. “Nella vicenda di Budrio, ad esempio, la tragedia non è che quel povero disgraziato di  barista non avesse una norma che tutelasse la sua possibilità di  difesa, è che quel tizio non doveva stare lì, doveva essere espulso –  prosegue il Capo della Polizia – Vi garantisco, posso mettervelo in  busta, che un’accentuazione della possibilità di difesa aumenterà notevolmente il numero di persone che saranno offese”.