Eutanasia, David è morto in Svizzera: l’annuncio di Mina Welby

È morto Davide Trentini. L’ex barista 53enne malato di sclerosi multipla aveva scelto l’eutanasia in una struttura svizzera dove era stato accompagnato dall’Associazione Coscioni per la “dolce morte”. L’uomo di 53 anni, ammalato dal 1993 di sclerosi multipla che aveva chiesto di mettere fine alle proprie sofferenze. L’annuncio del decesso lo ha dato Mina Welby – in diretta a Radio Radicale pochi minuti fa – che aveva accompagnato Davide nella clinica Svizzera, dove è possibile praticare l’eutanasia. “Davide è morto circa mezz’ora fa. Ricordiamolo tutti”, ha detto la copresidente dell’Associazione Luca Coscioni a Radio Radicale.

La scelta dell’eutanasia: “Vivere mi fa troppo male”

La vicenda di David aveva commosso tutti, proprio come accaduta per il caso straziante di DJ Fabo. Davide lavorava in una città toscana quando, ben 26 anni fa, si ammalò di sclerosi multipla. “Vivere mi fa troppo male”, aveva confessato lo scorso dicembre in un’intervista a ‘Libero’. “Potevano spegnermi una sigaretta addosso – raccontava – darmi una coltellata, ma ero completamente insensibile”. La malattia (che lui chiama “la stronza”), come sempre avviene, si è via via aggravata, finchè pochi mesi fa Davide ha chiesto alla madre 73enne di aiutarlo a farla finita.