Ecco l’ultimo test nucleare Usa con la bomba B61. E Kim Jong-un mostra i muscoli (video)

Pyongyang minaccia, Washington non sta a guardare. Proive tecniche di guyerra, su entrambi i fronti: secondo i media russi, l’esercito degli Stati Uniti per la prima volta con il caccia F-16 ha testato la bomba nucleare B61-12. Questa sarebbe la dodicesima e ultima modifica della bomba B61. I test si sarebbero svolti  nello Stato del Nevada già il 14 marzo scorso: E le immagini riportate nel sito postato in paerturo confermerebbero: quello registrato dalle telecamere sarebbe allora il test America’s Newest Nuclear Bomb B61-12 Flight Test. Fonte del video la Air Source Military.

L’ultimo test nucleare Usa nel Nevada

Intanto, mentre i due paesi coinvolti fanno i loro test nemmeno tanto segreti, sul fronte diplomatico la guerra a colpi di minacce e avvertimenti prosegue senza sosta. «Siamo pronti a una guerra nucleare», ha lanciato l’ennesimo monito – e proprio nel giorno del 105° anniversario della nascita del padre della patria Kim Il-sung – la Corea del Nord decisa – ad ogni recriminazioni di più – a mettere in guardia gli Stati Uniti a non compiere azioni provocatorie nella regione perché il Paese è pronto ad affrontare qualsiasi minaccia. «Risponderemo a una guerra totale con una guerra totale, e siamo pronti a colpire con attacchi nucleari nel nostro stile ad eventuali attacchi nucleari», ha detto Choe Ryong-hae, il secondo più potente ufficiale del regime.

Alla parata militare Kim Jong-un mostra i muscoli

Il compleanno di Kim Il Sung è conosciuto come la “Giornata del Sole”, ed è la festa nazionale più importante della Corea del Nord. La televisione di Stato ha mostrato le immagini della grande parata militare nella capitale Pyongyang, dove hanno sfilato migliaia di soldati in marcia, carri armati e camion con a bordo lanciarazzi multipli e prototipi di missili intercontinentali. In mostra per la prima volta anche quelli che sembrano essere dei missili balistici strategici suscettibili di essere lanciati da sottomarini e sviluppati per ospitare testate nucleari capaci di raggiungere obiettivi in tutto il mondo. Alla parata era presente anche il leader Kim Jong-un che, in abito nero e camicia bianca, è arrivato a bordo di una limousine nera, ha salutato la sua guardia d’onore e si è poi avviato lungo un tappeto rosso verso il podio per assistere alle celebrazioni.