Diciannovenne trovato morto in auto, è giallo. Indagati i suoi amici

Si fa sempre più concreta l’ipotesi che sia legata all’assunzione di droghe la morte di Matteo Ballardini, il 19enne trovato morto nel tardo pomeriggio di mercoledì scorso in auto parcheggiata nei pressi di via San Giorgio a Lugo di Romagna, nel Ravennate. La procura ha disposto l’autopsia che stabilirà con certezza se il decesso è dovuto a cause naturali o legato all’assunzione di sostanze. Intanto il pm Marilù Gattelli, che coordina le indagini dei carabinieri, ha iscritto nel registro degli indagati, con l’accusa di omissione di soccorso, i nomi di quattro amici del giovane che la notte precedente si trovavano con lui in un locale. Si tratta di soggetti in gran parte già noti alle forze dell’ordine come consumatori di droghe, anche pesanti. Sarebbe indagato anche un quinto ragazzo che deve rispondere di spaccio e di morte come conseguenza di altro reato, per avere con ogni probabilità ceduto la dose letale al giovane.

Trovato morto in auto, le indagini

Gli inquirenti sospettano che il giovane sia morto altrove e sia stato portato nel parcheggio e abbandonato nell’auto di proprietà della madre. A scoprire il cadavere e a dare l’allarme è stato un automobilista, ma i carabinieri stavano cercando il ragazzo già da diverse ore in seguito alla denuncia del padre, allarmato perché non era tornato a casa dopo la discoteca. I militari stanno sentendo tutte le persone informate dei fatti per ricostruire le ultime ore di vita del giovane. In totale sono circa venticinque i giovani e i conoscenti sentiti dagli uomini dell’Arma della compagnia di Lugo nella giornata di ieri.