Davano farmaci “guasti” e “imperfetti” agli anziani: scattato il sequestro

Una casa di riposo abusiva è stata scoperta e sequestrata dai carabinieri del Nas a Partinico, in provincia di Palermo. Il responsabile legale della struttura è stato denunciato per maltrattamenti di persone, somministrazione di medicinali guasti o imperfetti e omessa comunicazione all’autorità di pubblica sicurezza delle persone alloggiate.

Casa di riposo non autorizzata e maltrattamenti agli anziani

Nella struttura residenziale erano ospitati otto anziani, in parte affetti da problemi psicofisici (schizofrenia disorganizzata, demenza senile, morbo di Parkinson) e non autosufficienti. Le indagini hanno permesso di accertare come ai pensionati venissero somministrati farmaci sfusi, privi di confezione originale e, pertanto, non identificabili per tipologia e data di scadenza. Inoltre, sono emerse carenze igienico-sanitarie, strutturali e organizzative, come la mancanza di spazi comuni, l’omesso abbattimento di barriere architettoniche, l’impiego di
personale inadeguato alle patologie di cui soffrivano gli ospiti, privo di idonei titoli e in numero insufficiente (al momento dell’accesso dei militari nella struttura era presente un solo operatore), la totale assenza di tabelle dietetiche per gli ospiti.

Gli anziani sono stati trasferiti in altre strutture

Tutti gli anziani sono stati immediatamente trasferiti in altre strutture autorizzate o presso le rispettive famiglie. Il legale responsabile dell’attività abusiva è stato anche segnalato all’Azienda sanitaria provinciale di Palermo e al sindaco di Partinico per omessa iscrizione di comunità alloggio all’albo comunale, nonché per la mancanza dei requisiti previsti dagli standard organizzativi per le strutture residenziali e di polizza assicurativa contro gli infortuni. L’intera struttura e i medicinali sfusi rinvenuti, per un valore complessivo di circa 500mila euro, sono stati sequestrati.