Crea antifurto fai da te, se lo dimentica e resta ferito dai pallini della pistola

Crea antifurto fai da te, se lo dimentica e resta ferito dai pallini della pistola che spara grazie ad un ingegnoso automatismo. Forse esasperato dai ladri, un palombarese sabino aveva progettato, costruito e, poi, montato un micidiale antifurto fatto in casa a protezione del suo magazzino.
Ma, a un certo punto, si era dimenticato di averlo inserito. E rientrando nel suo magazzino è stato investito da una scarica di pallini ed è rimasto ferito in maniera grave a una spalla.
E’ successo a Stazzano di Palombara Sabina, vicino Roma, dove un 53enne italiano è finito in ospedale ferito dalla sua stessa “invenzione”.

L’uomo aveva costruito una pistola artigianale a pallini calibro 12 da caccia e l’aveva ancorata su un blocco di cemento all’interno di un
magazzino, puntata esattamente verso la porta d’ingresso e collegata alla rete elettrica in modo che eventuali accessi illeciti facessero scattare la trappola, potenzialmente letale.

Questa mattina però, probabilmente dimenticandosi di aver attivato l’allarme qualche giorno fa, è andato ad aprire la porta del magazzino ed è stato investito dal colpo a pallini.

Immediatamente è arrivato l’allarme al 112. I Carabinieri della Compagnia di Monterotondo hanno dapprima richiesto i soccorsi per il 53enne. E, poi,  durante il successivo sopralluogo, hanno scoperto il pericolosissimo congegno nascosto sotto un telo di juta, di fronte alla porta del magazzino.
Messa in sicurezza l’area e scollegata la pistola artigianale, i carabinieri hanno arrestato il 53enne con l’accusa di fabbricazione illegale di arma clandestina.
L’uomo, che non è in pericolo di vita, è tuttora piantonato nell’ospedale civile di Tivoli dove è in attesa di essere sottoposto a un intervento chirurgico.