Centrodestra unito al voto: ecco la coalizione tra FI, FdI e Lega da Parma all’Aquila

Unità: è questa la formula magica e la parola chiave della strategia elettorale del centrodestra. E gli ultimi sondaggi, che danno la coalizione di Forza Italia, Fratelli d’Italia e Lega vincente laddove saldamente congiunti e combinati, confermano l’imprescindibilità del sodalizio politico allo studio. Ascissa e ordinata di ambizioni di unitarietà programmatica e di successo elettorale sono garantite dalla condivisione dei contenuti: azzeramento dei flussi migratori, maggiore sicurezza nelle nostre città e un diverso rapporto di forza con L’Europa, in testa a tutti.

Cetrodestra unito al voto: ecco come e dove

Dunque, nel cantiere di centrodestra fervono i lavori in corso, improntati alla discontinuità col più recente passato e alla ristrutturazione e al lancio di nuovi equilibri, nuovi sodalizi: e le trattative condotte con Fratelli d’Italia e Lega, incentrate sulla ricerca dell’equilibrio e della condivisione, lo dimostrano una volta di più. Anche per questo, allora, come riportato in un esaustivo servizio de il Giornale, Berlusconi stesso in questi giorni ha dato l’ok ad un accordo valido in tre città dove ancora non erano state sciolte le prognosi politiche delle trattative in corso. E allora, come riportato dal quotidiano diretto da… “a Piacenza è stata scelta l’avvocatessa Patrizia Barbieri, ex sindaco di Castelvetro, con un passato in Forza Italia. Un’altra avvocatessa, Laura Cavandoli, è stata selezionata per Parma, una candidatura vicina alla Lega di Matteo Salvini. All‘Aquila, invece, la scelta è caduta su Pierluigi Biondi, già sindaco di Villa Sant’Angelo, esponente di Fratelli d’Italia. Riunisci et impera, insomma, è il credo del centrodestra, la cui solida e rinnovata coalizione garantisce credibilità politica e successo elettorale. 

Pd e M5S sempre più spaccati e in contrasto tra di loro

Del resto, quanto sta accadendo sulla fazione contrapposta del centrosinistra e in casa grillina confermano quanto appena detto. La scissione in casa dem e l’interminabile scontro al vertice tra Pd e movimentisti grillini, unito a una sempre più evidente diffidenza ostentata dall’ala renziana del Nazareno nei confronti dell’esecutivo Gentiloni  – acuitasi ulteriormente all’indomani della manovra – rendono chiaramente l’idea di come sinistra e pentastellati ai ferri corti da un bel po’ siano ormai al redde rationem, (e i loro abituali elettori pure), sconfortando ulteriormente gli italiani, ormai stanchi di scontri al vertice e con la base (zoccolo duro dell’elettorato compreso) e bisognosi di avere risposte concrete a problemi e necessità. E in tutto questo, allora, Berlusconi in stato di grazia, capace di convincere gli elettori su argomenti come tasse e pensioni e di accattivarsene il favore anche grazie alla recente svolta veg e animalista; Giorgia Meloni saldamente alla guida di Fratelli d’Italia e forte del progressivo e rassicurante aumento dell’indice di gradimento del partito; e Salvini, padrone indiscusso in casa leghista, sanciscono e condividono un favore elettorale costantemente in crescita a cui l’unione delle forze non può che giovare. 

Più valore e più fatti per l’alleanza e l’unità

Ed è in nome della considerazione di tutto ciò che in merito all’esito della trattativa con gli “alleati”, Berlusconi, come il Giornale cita, ha sostenuto che “abbiamo dimostrato che diamo valore all’alleanza e lo facciamo con i fatti, non con le parole”. E con un occhio alle prossime elezioni in Francia Germania e adesso, dopo quanto annunciato dalla May, anche in Inghilterra, e un altro puntato sul caos pentastellato e il quadro frammentato del Pd, tra le fila di FI si ragiona comunque in termini di candidati unici e unitarietà d’intenti e di programmi. Per questo, anche Paolo Romani dalle colonne de La Stampa, rileva: “Il centrodestra può tornare competitivo se mettiamo in campo una proposta nuova che può ambire al 40%. In questa frammentazione della sinistra, che investe anche il M5S con gli errori commessi a Genova e a Roma, il centrodestra viene percepito dagli elettori come la proposta più convincente”.