Bomba in Egitto, strage di cristiani copti nella Domenica delle Palme

Ventuno morti, ma il bilancio è destinato ad aggravarsi col passare delle ore. In Egitto, all’interno di una chiesa di cristiani copti, una bomba è esplosa nel giorno della Domenica delle Palme facendo una strage, a Mar Girgis,
nella città di Tanta, a nord del Cairo. Al momento non c’è stata alcuna rivendicazione dell’attentato ma è chiara la matrice islamista dell’attentato. L’ordigno era stato piazzato all’interno della chiesa ed è esploso proprio mentre si stava celebrando la messa per la Domenica delle Palme. I cristiani copti costituiscono circa il 10% della popolazione egiziana.
La Chiesa copta è una delle Chiese ortodosse orientali, il titolo di “Papa” spetta al Patriarca di Alessandria. Dopo più di quarant’anni di ministero di Shenouda III, deceduto il 17 marzo 2012, ora il Patriarca è Teodoro II, 118º papa della Chiesa copto ortodossa. Il 4 novembre 2012, il suo nome è stato estratto a sorte da un bambino, la cui mano si dice sia guidata dal volere di Dio, al termine di una lunga liturgia nella cattedrale del Cairo. Nel corso del XVIII secolo una parte di essa si è portata in comunione con il Vaticano.

Il Papa, nell’Angelus di questa mattina, in Piazza San Pietro, ha espresso solidarietà alla comunità cristiano copta dell’Egitto.