Banda di donne ladre: al centro commerciale con la tecnica antitaccheggio

L’avventura di una banda di donne ladre finisce male. Tre sorelle e una loro amica hanno colpito ripetutamente in vari negozi del centro commerciale di Casamassima, in provincia di Bari, rubando magliette, gonne, intimo, è stata sgominata dai carabinieri che hanno ritrovato la refurtiva nelle loro borse. Le tre sono state fermate nel parcheggio dove stavano per salire in auto per far perdere le loro tracce. Sono state tutte arrestate dai militari della Stazione di Casamassima con l’accusa di furto aggravato in concorso. Risiedono tutte a Bitonto. Approfittando della calca di persone, hanno rubato numerosi capi di abbigliamento da vari negozi della galleria  commerciale.

La tecnica utilizzata dalla banda di donne ladre

La tecnica utilizzata consisteva nel nascondere la merce nelle borse, dopo aver rimosso i dispositivi antitaccheggio, per poi guadagnare l’uscita. Avevano quasi raggiunto la loro auto quando sono state fermate per un controllo da una pattuglia impegnata in un servizio preventivo. Il nervosismo delle quattro donne ha convinto i militari ad approfondire i controlli, tant’è che è subito emerso che i vari capi d’abbigliamento che avevano con loro non erano stati pagati, seppur prelevati da ben tre negozi presenti all’interno della galleria del supermercato.

Nel mirino gli indumenti femminili

Sono state inoltre rinvenute le forbicine utilizzate per tagliare e rimuovere l’antitaccheggio. Le quattro signore, considerata la flagranza del reato, sono state sottoposte ai domiciliari. in attesa di giudizio direttissimo. La refurtiva, composta prettamente da indumenti femminili, del valore complessivo di circa quattrocento euro, è stata restituita ai negozi.