Attacchi in Egitto, Meloni: i cristiani sono vittime di un genocidio silenzioso

Messaggi di cordoglio per le vittime dei due attacchi contro i cristiani in Egitto arrivano da tutto il centrodestra. «Profondo dolore per l’ennesimo attentato terroristico ai danni dei cristiani – scrive su Facebook il presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni – oggi in Egitto degli innocenti sono stati uccisi per la loro fede mentre celebravano in chiesa la Domenica delle Palme. I cristiani sono vittime di un genocidio silenzioso compiuto nella vergognosa indifferenza della comunità internazionale e dei grandi media. È ora di dire basta».

Attacchi in Egitto, Calderoli: è l’11 settembre dei cristiani

Per Roberto Calderoli, della Lega  «oggi è l’11 settembre dei cristiani. Mai come oggi il terrorismo islamico, con l’Isis che ha rivendicato i due attentati alle chiese copte egiziane, ha volutamente scelto di colpire luoghi simbolo della cristianità, come appunto due chiese, sapendo di versare il sangue di cristiani innocenti. Oggi  – aggiunge – piangiamo decine di vittime e preghiamo per i feriti, ma da oggi sappiamo di essere in guerra, una guerra di religione, una guerra mondiale, dichiarata non solo all’Occidente e all’Europa ma a tutti i cristiani nel mondo. Da buoni cristiani siamo abituati sempre e solo a porgere l’altra guancia ma da oggi dobbiamo imparare anche reagire». 

Comi: è una guerra

L’europarlamentare di Forza Italia, Lara Comi esprime tutto il suo cordoglio alla comunità cristiano copta d’Egitto. Due bombe esplose in due chiese differenti, distanti di chilometri l’una dall’altra, hanno un solo obiettivo, e cioè: cancellare, da un paese musulmano la presenza della cristianità. A questi terroristi il Mondo risponderà con decisione e a questi estremisti senza scrupoli diciamo forte e chiaro che la loro folle politica del terrore non piegherà la ricerca della pace e della fratellanza».