Affonda gommone di migranti al largo della Libia: 97 dispersi

Sono 97 i migranti che risultano dispersi al largo della costa della Libia, vicino a Tripoli, dopo che l’imbarcazione sulla quale viaggiavano ha fatto naufragio. Lo ha reso noto un portavoce della Guardia Costiera libica, Ayoub Qassem, al sito di informazione Alwasat. A bordo del gommone viaggiavano 120 migranti africani, tra cui 15 donne e cinque bambini, secondo Qasim. La Guardia costiera libica è riuscita a trarre in salvo 23 migranti. «Il numero dei migranti illegali dispersi è di circa 97, tra cui tutte le donne e i bambini che erano sulla barca – ha detto il funzionario libico – Le 23 persone che sono state tratte in salvo hanno confermato che gli altri migranti sono affogati». Le persone salvate sono state trasferite nella base della Marina a Tripoli dove hanno ricevuto assistenza medica.

In tre anni 10mila morti affogati sui barconi

Nei primi mesi del 2017 sulla “rotta mediterranea centrale”, quella che dalla Libia porta all’Italia, si sono registrati 603 morti a fronte di quasi 27mila arrivi secondo dati aggiornati a domenica scorsa dall’Organizzazione internazionale per le migrazioni (Iom). L’anno scorso i morti furono quasi 4.600, in sensibile aumento rispetto agli oltre 2.800 dell’anno precedente. Nell’arco di tre anni, l’Unhcr stima almeno diecimila morti.