A Brasilia gli Indios protestano in difesa delle riserve armati di bare (video)

Una protesta inusuale, inquietante almeno quanto platealmente macabra: a Brasilia gli Indios, i popoli indigeni delle riserve naturali brasiliane hanno marciato tra le strade della capitale a tutela del loro territorio e per ricordare la strage dei loro antenati morti difendendo le terre ancestrali. Armati di bare nere hanno avanzato fino all’edificio congressuale dove sono arrivati allo scontro con la polizia che, per arrestarne l’inesorabile avanzata, ha cominciato a sparare proiettili di gomma e lacrimogeni.

La protesta degli Indios con le bare in Parlamento

Lo scenografico scontro tra indigeni brasiliani – con tanto di archi, frecce e corpi dipinti – e agenti anti-sommossa delle forze dell’ordine brasiliane, è arrivato al suo clou proprio di fronte al Parlamento di Brasilia, dove la marcia organizzata per protestare contro l’invasione degli agricoltori nelle riserve amazzoniche ha visto gli indigeni partecipare al corteo con decine e decine di finte bare caricate in spalle persino su una rampa dell’edificio congressuale. Del resto, poco prima di arrivare alla destinazione finale della marcia di protesta, e come si vede nel video postato in apertura, i manifestanti hanno spinto le bare nere persino nell’acqua…

Gli scontri e i disordini nella “Settimana Indigena”

La protesta indetta dagli Indios nelle scorse ore coincide con la cosiddetta “Settimana Indigena”, una ricorrenza singolare che prevede a Brasilia una serie di attività mirate a denunciare annosi problemi delle tribù indigene. dsalle autorità non sono ancora stati rilasciati commenti o aggiornamenti in merito ai disordini, ma i dimostranti, di contro, hanno appena fatto sapere che almeno quattro indigeni sarebbero stati arrestati negli scontri. Dalla polizia nessuna conferma, nessuna smentita.