25 aprile, appello di Pisanò per il “Giorno del Ricordo di tutte le vittime di quel periodo”

Paolo Pisanò, fratello dell’indimenticato senatore missino Giorgio, scrittore e giornalista vero e autore de “La storia della guerra civile in Italia”, lancia un appello ad Alessandro Sallusti, di farsi promotore affinché il 25 aprile non sia più festa nazionale e sia, per legge, sostituito in altra data, da “Giorno del Ricordo per tutte – indistintamente tutte – le vittime di quel tragico periodo“.

La concomitanza con il ritorno in edicola, a fascicoli, del lavoro incredibilmente attuale e profondo di Giorgio Pisanò non è casuale. E’ un debito morale a chi già cinquant’anni fa, senza paura, non si piegava al politically correct. Io, se il direttore de “Il Giornale” raccogliesse l’appello, sono pronto anche in Parlamento a fare la mia parte. Con chiunque fosse d’accordo.