Vede i carabinieri e ingoia la cocaina: arrestato pusher marocchino

Stava trattando con un cliente la vendita di un sacchetto di cocaina, appartato in un auto, quando – essendo il suo un volto noto alle forze dell’ordine – è stato avvicinato dai carabinieri in perlustrazione durante un servizio finalizzato alla prevenzione dello spaccio di sostanze stupefacenti. Ed è a quel punto che l’uomo, un trentenne marocchino, con precedenti per reati inerenti gli stupefacenti, ha ingoiato frettolosamente qualcosa, cominciando a masticare affannosamente.

Alla vista dei carabinieri ingoia la cocaina

Tutto si è consumato nel giro di pochi istanti, intorno alle 23 di ieri sera (domenica 5 marzo ndr), quando i carabinieri della tenenza di Montemurlo, impegnati a Prato, in via Filzi, impegnati in un’attività di perlustrazione per la prevenzione dello spaccio di droga, hanno notato un uomo salire su un’auto Citroen in sosta tra via Filzi e via Solferino. Appena i carabinieri si sono avvicinati, il passeggero, il trentenne marocchino appunto, con precedenti per reati inerenti gli stupefacenti, ha iniziato a masticare qualcosa in maniera evidente, suscitando la perplessità dei militari e dell’acquirente: era cocaina.

Costretto a sputare il sacchetto che stava masticando

Sollecitato a mostrare cosa avesse in bocca, il marocchino ha sputato del cellophane nel quale c’era della cocaina. Dopo avere identificato l’acquirente, un cinquantenne italiano con trascorsi per droga, che era alla guida del proprio veicolo, i carabinieri hanno proceduto alla perquisizione personale e domiciliare del marocchino. E se la prima perquisizione ha dato esito negativo, la seconda ha permesso di rinvenire all’interno dell’abitazione due involucri di cocaina, rispettivamente del peso di 60 e 19 grammi, oltre a materiale vario atto al confezionamento delle dosi. L’uomo è stato arrestato per detenzione a fini di spaccio di cocaina ed associato al carcere di Prato, dove avrà tutto il tempo di digerire l’accaduto…