Tariffe elettriche, rincaro improvviso: il Codacons annuncia ricorsi al Tar

È “un rincaro del tutto inaspettato sul quale vogliamo fare luce”. È il Codacons a commentare così il ritocco del +2,9% per le tariffe dell’elettricità deciso dall’Autorità per l’energia, annunciando che l’associazione è pronta ad un nuovo ricorso al Tar contro il rincaro delle tariffe. “Dopo i forti incrementi scattati a gennaio, ci si aspettava una sensibile riduzione sia per la luce che per il gas, ma così non è stato” sottolinea il presidente del Codacons Carlo Rienzi. “Se infatti le tariffe del gas da aprile scenderanno del -2,7%, quelle elettriche subiscono una sensibile stangata del +2,9%: un rincaro abnorme – scandisce Rienzi – che non appare giustificato nemmeno dall’ondata di freddo che ha colpito Paesi come Italia e Francia”. “Avvieremo le dovute verifiche per accertare la correttezza degli incrementi delle tariffe e dei costi di approvvigionamento, allo scopo di escludere possibili speculazioni sulle bollette degli italiani, come quelle dei grossisti registrate lo scorso anno e che hanno portato il Tar della Lombardia a bloccare gli aumenti delle tariffe a seguito di ricorso Codacons, e non escludiamo – annuncia il presidente del Codacons – un nuovo ricorso ai giudici amministrativi se riscontreremo anomalie legate agli ultimi rincari per l’elettricità decisi dall’Authority”.