Sisma, la terra torna a tremare nell’Aquilano e nel Reatino. Ancora

Dall’evento sismico registrato alle isole Eolie di appena 4 giorni fa alla scossa della notte appena passata nell’Aquilano: la terra continua a tremare a rendere stabile una condizione di precarietà e paura. E quando ancora mancano all’appello numerosi controlli di stabilità sugli edifici lesionati dalla recente ondata sismica, ininterrotta da agosto ad oggi; mentre la ricostruzione sten ta a decollare e le polemiche e i disagi aumentano a dismisura, un nuovo evento di magnitudo 2.9 torna a far tremare la terra in provincia dell’Aquila e nel Reatino

Sisma, la terra trema nell’Aquilano e nel Reatino

Dunque è di nuovo il centro Italia, dall’Aquilano al Reatino, a far tremare la terra e le famiglie italiane initerrottamente sotto il ricatto sismico da sette mesi a questa parte. Una scossa di magnitudo 2.9 è stata registrata dall’Ingv, nella notte, in provincia dell’Aquila. I comuni più vicini all’epicentro della scossa, delle ore 23.41, sono stati: Capitignano, Montereale, Barete e Pizzoli. Altre due scosse, rispettivamente di magnitudo 2.5 e 2.3, sono state localizzate invece in provincia di Rieti. Alle 6.19 di stamattina, inoltre, una scossa di magnitudo 2.3 è stata avvertita nel maceratese: Ussita,Castelsantangelo sul Nera e Visso i comuni più vicini all’epicentro.

L’utlima scossa all’Aquila appena 10 giorni fa

Appena 10 giorni fa, era esattamente il 20 febbraio, una scossa di terremoto di magnitudo 4 è stata registrata nella zona dell’Aquila. Intorno alle 4,13 della notte il sisma era stato avvertito in un’ampia zona del centro Italia. Verificatosi a una profondità di 11 chilometri, l’epicentro era stato localizzato dall’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia vicino a Montereale, 20 chilometri da L’Aquila e 40 da Teramo. Fortunatamente in quell’occasione non erano stati registrati nuovi crolli. Nell’area interessata dalla scossa del 20 febbraio, peraltro, ricadono anche i Comuni di Capitignano, Cagnano Amiterno, Barete, Pizzoli, Campotosto, Borbona, Posta, Amatrice, Scoppito, Cittareale, Antrodoco, Micigliano e Crognaleto, dunque diversi dei centri tronati a tremare ancora una volta questa notte…