E Salvini diventa un fan di Papa Francesco: “Vorrei incontrarlo”

Folgorato dal bagno di folla di Milano per Papa Francesco, Matteo Salvini si scopre suo fan. Qualcuno potrebbe anche scherzarci su, due mondi lontani anni luce. Che il segretario della Lega guardi come fumo negli occhi  il taglio ecumenico del Papa sull’immigrazione non è un mistero, come non è un  segreto che Salvini abbia considerato la famosa visita del papa a Lampedusa una pietra miliare, un incentivo per l’invasione dei disperati della terra sulle nostre coste. “Favorisce l’immigrazione…”. Una distanza abissale, se non fosse che quella che Milano ha vissuto è stata senza dubbio una giornata particolare. Bagno di folla sì, ma soprattutto è stata la giornata della Milano degli “ultimi”, degli anziani, degli italiani poveri e soli, delle case popolari, delle parrocchie di periferia, che si è fatta incontro al Papa, chiedendo speranza, una speranza poco rappresentata dalle istituzioni cittadine. Il percorso fatto dal pontefice è partito dalle periferie per poi approdare al centro della città. Un passaggio simbolico. Per cui a un Salvini attento alla sua città e alla sensibilità dei milanesi i toni polemici non servono più.  

E’ il momento magari di un incontro. “Bellissima giornata ieri a Milano” – commenta Salvini che sabato era a Lampedusa. “Ho visto tantissimi ragazzi e seguito gli interventi online. Mi piacerebbe avere un’udienza e un confronto con il Papa per parlare di integrazione, confini, accoglienza. Parlerei al Santo Padre, senza mediazioni faziose, delle idee della Lega per affrontare e risolvere il problema nell’interesse di tutti”.