Salvini a Mosca: incontro con Lavrov e accordo con il partito di Putin

Importante viaggio di Matteo Salvini a Mosca. Il segretario della Lega ha  incontrato ufficialmente nella capitale russa  questo pomeriggio Sergej Lavrov,  ministro degli Esteri. Tra i temi del colloquio – riferisce una  nota – crisi libica, Siria, terrorismo islamico, sanzioni alla Russia,  le imminenti elezioni in Francia e Olanda. Un confronto «cordiale e  concreto», sottolinea Salvini, che in mattinata, aveva  firmato un accordo ufficiale di collaborazione tra Lega e Russia  Unita , il partito di Vladimir Putin, rappresentato dal responsabile  esteri, Sergey Zheleznyak

«Storico accordo questa mattina a Mosca fra Lega e Russia Unita di Putin»: così  Salvini su facebook ha annunciato l’intesa con il partito del  presidente della Federazione Russa. I punti dell’accordo, scrive il segretario della Lega Nord, sono  “lotta all’immigrazione clandestina e pacificazione della Libia, lotta al terrorismo islamico e fine delle sanzioni contro la Russia, che  sono costate all’Italia 5 miliardi di euro e migliaia di posti di  lavoro persi”. “Dopo le chiacchiere di Renzi, la concretezza della  Lega. #votosubito.

Salvini è intervenuto oggi anche suo problemi italiani, commentando così i tristi dati demografici resi noti dall’Istat: «2016 peggior anno di sempre per il minor  numero di bambini nati in Italia: solo 474.000. Asili nido gratis e  asili aziendali, bonus bebè per gli italiani, riduzione dell’Iva sui  prodotti per l’infanzia, sviluppo dei Centri Aiuto alla Vita, sostegno economico ai genitori separati, adozioni più veloci e meno costose, un lavoro vero per i nostri giovani».