Salerno, in fiamme auto di un dirigente di FdI-An. Si batte la pista politica

Al momento non ci sono ancora granitiche certezze, ma non è escluso che possa essere di matrice politica l’incendio che la scorsa notte ha distrutto l’auto di Aniello Gioiella, consigliere comunale di Castel San Giorgio, nel Salernitano, nonché dirigente provinciale di FdI-An. Il fatto è accaduto intorno alle 4. È stato lo stesso Gioiella a tentare di domare prima dell’arrivo dei Vigili del Fuoco e dei carabinieri, i quali – va precisato – non ancora si sono espressi sulla natura dolosa del rogo.

Aniello Gioiella è un consigliere comunale

Se però così dovesse essere, ha premesso l’esponente politico, «sarebbe sicuramente riconducibile alla mia attività politica. In ogni caso – ha concluso – non mi piego». Non sembra avere dubbi il presidente regionale di FdI-An, Antonio Iannone, anch’egli salernitano, che a nome del partito e suo personale ha espresso in una nota la solidarietà al consigliere comunale: «Si tratta – ha dichiarato Iannone – di un atto gravissimo che ci preoccupa». Le certezze del dirigente regionale fondano sulla circostanza che quanto occorso a Gioiella non è il primo episodio d’intimidazione perpetrato da ignoti a danni di esponenti politici, guarda caso tutti della stessa parte politica, i FdI-An.

La solidarietà del FdI-An campano

«Solo qualche mese fa – ha ricordato infatti Iannone – a Michele Salvati, nostro candidato a Castel San Giorgio fu data alle fiamme l’automobile con analoghe modalità riscontrare oggi e ancor prima capitò ad Antonio Buonaiuto, consigliere comunale di FdI-An a Siano, essere oggetto di minacce». Nel frattempo, Gioiella ha già dato mandato all’avv.Michele Sarno, presidente della Camera penale di Salerno, di rappresentarlo come parte civile qualora le risultanze dell’indagine dovessero accertare la natura dell’evento e l’individuazione dei responsabili.