Rom picchiano colombiana in metro a Roma: emorragia addominale

Una colombiana colpita con calci e pugni all’addome. Una selvaggia aggressione, messa in atto da alcuni rom, nella metro di Roma. È il resoconto -che traiamo dal Corriere della Sera– dell’azione di un gruppo di rom su un treno della linea A. La signora era colpevole, agli occhi dei rom, di aver avvertito una comitiva di turisti giapponesi che stavano rischiando di essere tutti borseggiati. La giovane colombiana è stata, così, selvaggiamente picchiata ed è finita in ospedale con un’ emorragia addominale che è stata curata dopo il ricovero al Santo Spirito. Adesso è caccia al gruppetto di nomadi che era salito sul convoglio. Nomadi che agiscono sempre in gruppo prendendo di mira soprattutto i turisti. La polizia ha raccolto la denuncia della donna, ma ancora non ha rintracciato il gruppo di aggressori. La colombiana è stata soccorsa da due allievi carabinieri che l’hanno aiutata dopo che si era accasciata su un sedile. Alla fermata Ottaviano, la signora colombiana è stata aiutatta a scendere e affidata alla pattuglia di militari dell’ Esercito che controlla la stazione nell’ ambito dell’ operazione Strade sicure. I turisti giapponesi hanno reagito dopo l’allerta della colombiana gridando disperati. Uno choc anche per loro. E una nuova figuraccia per Roma proprio nel mentre della visita del premier nipponico Shinzo Abe.