Rapinatore seguiva le ragazzine e le “ripuliva” nel portone di casa (video)

Le guardava da lontano poi si metteva sulle loro tracce, le inseguiva fino a dentro il palazzo e le rapinava di tutto. Giovanissime vittime appena uscite da scuola ripulite del telefono cellulare, tablet o soldi. L’uomo, di nazionalità italiana, è stato arrestato dai poliziotti del commissariato “San Secondo” di Torino al termine di un’indagine, svolta insieme agli specialisti della Squadra mobile, iniziata subito dopo la denuncia di alcune rapine commesse ai danni di ragazzi minorenni. Il rapinatore puntava prevalentemente ragazzi di età compresa tra gli 11 e i 13 anni, individuati all’uscita di scuola, e in alcuni casi li seguiva fin dentro l’androne dello stabile dove abitavano per derubarli, anche picchiandoli ripetutamente con pugni sul volto, procurando loro lesioni personali.
Gli investigatori hanno accertato che l’indagato è responsabile di almeno tre rapine consumate e di due tentate. In uno di questi episodi l’uomo è stato anche ripreso da alcune telecamere di sorveglianza.