Paura a Parigi: terrorista ferisce 2 agenti, ucciso in aeroporto (VIDEO)

L’uomo ucciso questa mattina nello scalo parigino di Orly dopo aver tentato di rubare l’arma a un militare, e di aver sparato a una poliziotta a un posto di blocco a Nord di Parigi, è un cittadino francese di 39 anni, noto per reati legati al traffico di droga, e seguito dai servizi perché sospettato di essere un musulmano radicalizzato in carcere. La sorveglianza però era stata interrotta, non è chiaro in quale data.

L’assalto all’aeroporto Orly di Parigi

L’uomo aveva sottratto l’arma di ordinanza di una soldatessa, verso le otto e mezzo di questa mattina, al gate 38 dell’imbarco della compagnia Turkish Airlines dell’aeroporto di Orly. Con il fucile sottratto alla soldatessa, l’aveva tenuta in ostaggio, tenendola per il collo. Quindi si era rifugiato in un negozio del terminal sud dello scalo prima di essere abbattuto dalle forze di sicurezza.

Un’ora prima ha ferito una poliziotta alla periferia di Parigi

Un’ora e mezzo prima dell’aggressione di Orly, il terrorista ha aperto il fuoco durante un controllo contro una poliziotta a Stains, nella regione di Seine-Sain-Denis, alle porte di Parigi. L’agente è rimasta ferita alla testa. L’uomo è poi fuggito a bordo della sua Clio che è stata ritrovata abbandonata nella località di Vitry, con una maglietta imbrattata di sangue all’interno. Il fuggitivo ha quindi rubato una Citroen Picasso con la quale ha raggiunto Orly, dove la macchina è stata ritrovata.