L’ultimo post dell’assassino prima di bruciare Sara: «Serve un diluvio universale»

L’ultima richiesta di Sara Di Pietrantonio al suo ex fidanzato, Vincenzo Paduano, fu molto esplicita: «Perché vuoi uccidermi?». E l’ultimo post su Fb dell’assassino fu invece inquietante: «Quando il marcio è radicato nel profondo ci vuole una rivoluzione, tabula rasa. Diluvio universale». 

Nell’udienza preliminare per l’omicidio della studentessa romana di 22 anni,  avvenuta il 29 maggio dell’anno scorso, quando Vincenzo Paduano diede fuoco alla sua auto in una stradina di periferia, all’Eur, sono emersi gli ultimi contatti tra i due ragazzi. Lei lo aveva lasciato e non voleva tornare sui suoi passi, lui decise di rovesciarle addosso un flacone di alcol e le diede fuoco. L’aspirante omicida (che su Fb si faceva chiamare Vince Mc Ojons) ha scritto quell’ultimo post ed è uscito per andare ad uccidere la ragazza, si è appostato lungo il percorso che avrebbe fatto in auto per tornare a casa e quando è arrivata l’ha speronata, poi lei è scappata ma lui l’ha raggiunta e l’ha prima tramortita poi bruciata nella sua auto.

Secondo il pm Maria Gabriella Fazi Sara “cercava in ogni modo di tranquillizzarlo e assecondare le sue continue richieste” ma Vincenzo la perseguitava. Fino a strattonarla davanti a tutti, pochi giorni prima del delitto, ma lei accetta di vederlo la sera, anche se si mostra spaventata: «Ho paura di te dopo quello che mi hai fatto! Ma sono convinta che tu mi debba delle scuse. Sì, ti voglio vedere, voglio sentire cosa devi dirmi…». Poi quell’ultimo messaggio e la tragedia, assurda e per nulla imprevedibile.