La Juve perde Pjaca: crociato rotto. La denuncia dell’interista Perisic

La stagione di Marko Pjaca stavolta è finita. Il giovanissimo attaccante della Juventus è rimasto vittima di un gravissimo infortunio nella partita amichevole che la sua Croazia ha disputato a Tallin in Estonia. Il bollettino medico parla chiaro: rottura del crociato e lesioni del menisco e del collaterale. Tre mesi di stop se tutto va bene. Il talento bianconero aveva già subito, cinque mesi fa, un altro grave infortunio sempre con la sua nazionale, riportando la frattura del perone che l’aveva tenuto lontano dai campi per unn centinaio di giorni. Adesso il nuovo stop e la disperazione nel volto del ragazzo che ha lasciato il campo in barella. “Questo incidente di percorso non fermerà la tua carriera”. E’ stato il messaggio di incoraggiamento del tecnico della Juventus, Massimiliano Allegri, a Marko Pjaca via twitter, Allegri lo ha incoraggiato anche in croato: “Sretno”, ha scritto il tecnico. Che tradotto significa “buona fortuna”. A sua volta il commento sull’infortunio di Pjaca da parte dell’interista Ivan Perisic, suo compagno di nazionale è stato durissimo. Un vero atto d’accusa: “Il campo su cui abbiamo giocato è indegno del calcio professionistico e non c’è nessun motivo nell’organizzare partite di questo tipo. Consiglierei al signor Suker (presidente della federcalcio croata, ndr) di scegliere meglio gli avversari con servizi di qualità superiore, perché possiamo solo perdere più giocatori su tali campi orrendi. La più grande sconfitta di questa amichevole è stato perdere Pjaca. Il campo era criminale, terribile”.