La Casa Bianca conferma: Trump parteciperà al vertice della Nato di maggio

Il presidente americano vuole assolutamente varare una strategia che punti ad una effettiva sinergia tra Stati, prodromica ad una stretta alleanza contro il terrorismo: ed è soprattutto in nome di questo ambizioso quanto imprescindibile progetto allora che – la Casa Bianca conferma – Donald Trump parteciperà al vertice della Nato il 25 maggio prossimo a Bruxelles dove ribadirà la necessità che gli alleati facciano in misura maggiore la loro parte in seno all’Alleanza.

Nato, Trump sarà al vertice di maggio

Lo ha reso noto la Casa Bianca con un comunicato dopo che il segretario generale dell’Alleanza Atlantica, Jens Stoltenberg, in visita a Washington, ha confermato la data della riunione dei capi di stato e di governo della Nato. “Il presidente è ansioso di incontrare le sue controparti della Nato per riaffermare il nostro forte impegno nell’Organizzazione e discutere le questioni critiche per l’alleanza, specialmente la divisione delle responsabilità tra alleati ed il ruolo della Nato nella lotta al terrorismo”, sfanno sapere – nero su bianco – da Washington riferendosi alla partecipazione al vertice di Trump che, subito dopo l’incontro di Bruxelles, verrà in Italia per il vertice del G7 di Taormina.

Gli Usa impegnati al 100% nella Nato

Non solo: nel comunicato si annuncia anche che Trump incontrerà Stoltenberg il 12 aprile alla Casa Bianca per “parlare dei modi in cui rafforzare l’alleanza per affrontare le sfide alla sicurezza nazionale ed internazionale”. Intanto, il portavoce del dipartimento di Stato ha reso noto che si sta cercando di trovare una data alternativa che possa permettere a Tillerson di partecipare alla riunione di Bruxelles, e alle polemiche di placarsi. E, anche se appare poco probabile che i ministri degli altri 27 Paesi membri possano cambiare le loro agende in due settimane per accogliere le esigenze di Washington, Mark Toner ha assicurato che da parte del segretario di Stato non vi è “assolutamente” l’intenzione di snobbare l’Alleanza. “Gli Stati Uniti rimangono impegnati al 100% nella Nato”, ha aggiunto ricordando che negli anni recenti, precisamente nel 1999 e nel 2003, altri segretari di Stato hanno già mancato a simili appuntamenti…