Estorcono per 3 anni la pensione di un invalido: arrestati padre e figlio

È una storia di coercizione e di sopraffazione violenta e reiterata nel tempo, quella che arriva da Bagnoli (Napoli), dove due uomini, padre e figlio  rispettivamente di 54 e 30 anni, incensurati, sono stati arrestati dai carabinieri della stazione locale per estorsione aggravata e continuata. E fin qui, potrebbe sembrare una notizia come tante: invece, a fare la differenza è che il maltolto, estorto per anni alla povera vittima, consiste neklla pensione attribuita a un 41enne, invalido al 100%.

Estorcono per 3 anni la pensione di un invalido

Con la scusa – tutta da verificare – di vantare un credito di circa 4000 euro dal 41enne invalido al 100%, i due, almeno da marzo di tre anni fa, avevano cominciato a costringere la vittima, spaventata da minacce e intimidazioni di varia natura, verbali e telefoniche, a consegnare loro per intero la sua pensione mensile: ottocento euro ogni primo del mese, che nel corso di tre anni ammontano alla ragguardevole cifra di 29.000 euro. Il 54enne, ogni mese, accompagnava la vittima all’ufficio postale, assicurandosi che riscuotesse la pensione, per poi sottrargliela interamente. Per questo, messi sull’avviso e pronti a intervenire, i carabinieri hanno bloccato in flagranza l’uomo davanti all’ufficio postale, sopreso proprio nell’atto di togliere di mano il denaro all’invalido. Non solo: dalle indagini i carabinieri hanno ricostruito le varie estorsioni commesse nel tempo da parte di padre e figlio, mentre proseguono gli accertamenti per verificare la presenza di eventuali altre vittime, incautamente finite nelle grinfie dei due spietati estorsori.