È Jon Huntsman l’uomo voluto da Trump per curare i rapporti con Putin

L’ex governatore dello Utah Jon Huntsman Jr è stato scelto dal presidente Donald Trump come ambasciatore degli Stati Uniti in Russia. Lo riferiscono i media americani, spiegando che la posizione è stata offerta all’inizio della settimana e Jon Huntsman ha accettato la proposta, che deve essere però ancora ufficializzata.

Trump nomina Jon Huntsman in Russia

Huntsman, 56 anni, imprenditore di religione mormone, ex candidato alla nomination presidenziale repubblicana nel 2012 (eliminato da un altro mormone, Mitt Romney), ha già servito come ambasciatore sia sotto presidenti repubblicani che democratici. È stato ambasciatore a Singapore sotto l’ex presidente George W. Bush, prima di essere scelto dall’ex presidente Barack Obama come ambasciatore in Cina dal 2009 al 2011. Come governatore si è occupato di questioni come il controllo delle armi, l’omosessualità e l’ecologia. Per quanto riguarda le materie sociali, ha mantenuto una linea conservatrice, per esempio schierandosi contro il matrimonio gay. Huntsman non è un esperto di Russia, ma porta con sé la capacità di saper mediare e l’indipendenza. Qualità molto apprezzate da Trump. Huntsman prima d’insediarsi a Mosca dovrà passare al vaglio del Senato ma la sua approvazione non dovrebbe avere ostacoli. Il lavoro di ambasciatore americano in Russia è uno dei più sensibili nell’amministrazione di Donald Trump.