«Dal 1° febbraio il bonus bebè per le mamme». È sparito, nessuno ne sa niente

Niente bonus bebè per le mamme in dolce attesa o che hanno appena partorito. Il contributo di 800 euro previsto dall’ultima legge di Bilancio per ora è un fantasma, l’operazione “Mamma domani”, che sarebbe dovuta scattare il primo gennaio 2017 ,è avvolta nelle nebbie. Un passo indietro del governo che per il bonus aveva impiegato, sulla carta,  600 milioni  di euro? Problemi di burocrazia? Sul sito dell’Inps non c’è traccia del modulo per accedere al contributo previsto per circa 750mila famiglie: impiegati, dirigenti e operatori del call center non sanno nulla e ripetono come un disco rotto “ah saperlo quando arriverà” oppure “lei faccia conto che il bonus non c’è” Queste le risposte fornite alle donne che hanno superato il settimo mese di gravidanza o che hanno appena partorito  e che, non trovando i moduli online per accedere al rimborso, telefonano o si recano direttamente agli uffici dell’Inps.

Scomparso il bonus bebè, l’Inps non risponde

Eppure l’impegno annunciato con  grande soddisfazione dal ministro per la famiglia, Enrico Costa, era stato chiarissimo: si parte dal 1 gennaio e potranno accedere al tantum di 800 euro  per far fronte alle prime spese (come l’acquisto della carrozzina, analisi cliniche, allattamento), le cittadine italiane, comunitarie ed extracomunitarie con permesso di soggiorno nel nostro paese. Per ora tutto tace tranne qualche generica assicurazione che il battesimo del bonus è dietro l’angolo. Le cronache descrivono mamme che tengono sotto controllo il sito, si mettono in fila agli sportelli dell’Inps senza ottenere nessuna risposte certe. Intanto si arrangiano con le domande cartacee che però non vengono accettate. C’è da giurarci che quando la macchina operativa partirà, se partirà, sarà il caos per smaltire le richieste accumulate in questi mesi. A fine febbraio, come riporta Repubblica, sull’home page dell’istituto di previdenza è apparsa una prima circolare che definisce la platea degli aventi diritto. Poi un secondo avviso ha ulteriormente illustrato le condizioni per accedere al bonus (non è richiesta una soglia massima di reddito) ma senza definire le modalità operative. Con un certo imbarazzo i vertici dell’Inps fanno presente che tre mesi di “ritardo” erano previsti fin dall’inizio per oliare la piattaforma online e che, una volta avviata, la misura sarà retroattiva.