Coppia di coniugi presa di mira con le bottiglie incendiarie: arrestato 16enne

Bottiglie incendiarie lanciate contro l’abitazione di una coppia di coniugi o lasciate nei pressi dell’ingresso della stessa piene di liquido infiammabile e bigliettini con richieste estorsive, firmate “dai tuoi cari amici”. A subire queste azioni intimidatorie nelle ultime settimane una famiglia di Taurisano, in provincia di Lecce. I poliziotti hanno arrestato un sedicenne con le accuse di minacce aggravate ed estorsione. In occasione del primo lancio si sono registrati l’annerimento di un muro e la rottura di alcuni arredi.

Minacce contro la famiglia e le richieste estorsive

Le lettere contenevano la richiesta di 1500 euro, le minacce a tutta la famiglia e l’invito a obbedire, soprattutto a non riferire nulla alle forze dell’ordine. E così è stata organizzata una trappola: la vittima, che aveva presentato denuncia per tutti gli episodi, ha lasciato una busta nel luogo indicato, piazza Mercato, dove gli agenti hanno bloccato i due minorenni giunti a bordo di due scooter. Uno di loro, quello che ha prelevato la busta, è stato arrestato dopo aver
tentato di fuggire sul motorino. L’altro è stato rintracciato nella sua abitazione.

Un minore è finito in carcere

 In casa del primo, tra le altre cose, è stato sequestrato un berretto tipo baseball identico a quello indossato dal giovane ripreso dalle telecamere di un impianto di video-sorveglianza, installato a seguito degli atti criminosi, mentre si avvicinava all’appartamento della vittima. Ora si trova nel carcere minorile.