Chiuso il caso sulla morte di George Michael: «Decesso per cause naturali»

George Michael è morto per cause naturali. Gli esami sul corpo del cantante hanno evidenziato che soffriva di cardiomiopatia con miocardite e di steatosi epatica che, secondo l’analisi del medico legale, lo hanno condotto alla morte. È dunque risolto il mistero sul decesso della star, che inizialmente era stato attribuito agli effetti di un mix di farmaci e droghe. 

Caso risolto: «Non serve un’inchiesta»

George Michael è morto nella sua casa di Goring-on-Thames a Natale, all’età di 53 anni. Già dopo i primi rilievi la polizia della Thames Valley aveva definito il decesso «non sospetto» senza però indicarne la causa. Erano comunque iniziate a circolare ipotesi retrosceniste, quando non complottiste, tra le quali la più insistente era proprio quella di una overdose da farmaci e stupefacenti. Ora gli esami condotti da medico legale responsabile della struttura dell’Oxfordshire, Darren Salter, liberano il campo da qualsiasi dubbio, tanto che lo stesso medico ha chiarito: «Non c’è bisogno di un’inchiesta o di ulteriori indagini».