Catania, rissa tra parenti nella corsia dell’ospedale. Cinque denunciati

Gli ospedali catanesi diventano ancora una volta teatro di violenze in corsia. Una violenta rissa tra parenti di ricoverati nel reparto di medicina e chirurgia d’urgenza di un nosocomio del capoluogo etneo si è scatenata oggi per futili motivi. A causarla sarebbe stata la presenza nella stanza di alcune persone, circostanza non gradita da uno dei parenti di un ricoverato. Dalle parole si è passati successivamente alle mani.

La discussione è degenerata in rissa tra i componenti dei due nuclei familiari che hanno cominciato a litigare  all’esterno del padiglione e successivamente all’interno del reparto. Dopo una prima colluttazione, padre e figlio, entrambi denunciati per lesioni aggravate in concorso e resistenza a pubblico ufficiale, hanno organizzato una sorta di spedizione punitiva piombando all’interno della stanza di degenza aggredendo un uomo di 52 anni utilizzando una cintura con una grossa fibbia come un ‘tirapugni’ causandogli lesioni al setto nasale.

A bloccare i due sono stati i poliziotti, mentre gli altri protagonisti della rissa sono stati identificati anche con le immagini di videosorveglianza. Tra loro anche una madre di 60 anni ed il figlio di 25, entrambi denunciati per rissa.

Ai primi di gennaio un episodio analogo all’ospedale Vittorio Emanuele di Catania: cinque uomini aggredirono a calci e pugni un medico del pronto soccorso che si era rifiutato di svelare l’identità di una donna ricoverata.