Operazione “The Queen”, 69 arresti a Napoli. FdI: che ne pensa il Pd?

”La nuova direttrice del Parco Archeologico dei Campi Flegrei, Adele Campanelli, nominata dal governo Gentiloni a febbraio, ai domiciliari nell’ambito dell’inchiesta su camorra e appalti in Campania. Rimaniamo sempre garantisti, ma sarebbe interessante sapere cosa ne pensano il Pd e il ministro Franceschini che solo qualche settimana, all’atto della nomina, parlò di un’eccellenza italiana. Attendiamo di sapere cosa intenda fare rispetto a questa vicenda”. È quanto dichiarano in una nota congiunta i deputati di Fratelli d’Italia-Alleanza Nazionale Edmondo Cirielli, responsabile del Dipartimento Giustizia del partito, e Marcello Taglialatela, componente della commissione Antimafia. In mattinata c’è stata una vasta operazione del Nucleo di Polizia tributaria della Guardia di Finanza di Napoli che, sotto il coordinamento della Direzione distrettuale antimafia partenopea, dalle prime ore della mattinata, ha eseguito diverse decine di ordinanze di custodia cautelare emesse nei confronti di amministratori locali, funzionari pubblici, imprenditori, professori universitari, commercialisti, ingegneri e faccendieri. Gli indagati sono accusati, a vario titolo, di corruzione e altre gravi irregolarità nelle gare di appalto pubblico realizzate in varie province campane, in alcuni casi anche al fine di agevolare organizzazioni criminali di stampo camorristico. L’operazione della Guardia di Finanza è stata denominata The Queen. Sono in tutto 69 le ordinanze di custodia cautelare eseguite a carico di imprenditori e politici accusati di corruzione, turbativa d’asta e concorso esterno in associazione mafiosa con riferimento al clan camorristico dei Casalesi fazione Zagaria. L’indagine è coordinata dai pm della Dda di Napoli Catello Maresca, Maurizio Giordano, Luigi Landolfi, Gloria Sanseverino e Alessandro D’Alessio. Le ordinanze di custodia cautelare sono state emesse, oltre che nei confronti di imprenditori e politici locali, anche per funzionari pubblici, professori universitari, commercialisti, ingegneri e faccendieri.

Arresti per politici, imprenditori, funzionari pubblici

C’è il nome del consigliere regionale campano di Ncd (aderente al gruppo misto) ed ex assessore regionale ai Beni culturali e Turismo della Giunta Caldoro, Pasquale Sommese, tra i destinatari dell’ordinanza di custodia cautelare. Per il consigliere regionale il gip di Napoli ha previsto la custodia cautelare in carcere. Sommese, secondo gli investigatori della Dda di Napoli, da assessore al turismo della Regione Campania nella Giunta Caldoro, si sarebbe impegnato a “garantire il finanziamento” di un’opera “in cambio di denaro o sostegno elettorale”. Talvolta, aggiungono i pm, “quest’ultimo indicava espressamente il nominativo dell’imprenditore che avrebbe poi dovuto eseguire i lavori pubblici e che egli stesso aveva fatto finanziare”. I sindaci di Aversa, Enrico De Cristofaro, e di Riardo, Nicola D’Ovidio, sono anche tra i destinatari dell’ordinanza di custodia cautelare. Tra i destinatari della misura cautelare degli arresti domiciliari vi sono l’ex sindaco di Casapulla, Ferdinando Bosco, l’ex sindaco di San Giorgio a Cremano, Domenico Giorgiano, l’ex sindaco di Pompei, Claudio D’Alessio, l’ex presidente della Mostra d’Oltremare di Napoli, Andrea Rea. Anche il presidente del consiglio d’amministrazione della Fondazione Banco di Napoli, Daniele Marrama, e l’archeologa Adele Campanelli, ex soprintendente ai beni archeologici delle province di Benevento, Caserta e Salerno, e recentemente nominata soprintendente del Parco archeologico dei Campi Flegrei, sono tra i destinatari della misura cautelare. Sono in tutto 36 i destinatari della misura cautelare degli arresti domiciliari, mentre sono 30 gli indagati finiti in carcere. L’ordinanza prevede anche un obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria e due interdizioni dai pubblici uffici per la durata di un anno.