Calderoli: «Bene Gabrielli sull’espulsione dei migranti nigeriani»

«Bene le parole del capo della polizia, il prefetto Gabrielli, nell’odierna audizione davanti alla commissione parlamentare dei Diritti Umani, dove ha confermato che si sta cercando di rintracciare e identificare gli immigrati nigeriani per velocizzare le loro espulsioni». Roberto Calderoli, vicepresidente del Senato e Responsabile Organizzazione e Territorio della Lega Nord plaude alle parole del capo della polizia. Gabrielli durante l’audizione ha puntualizzato «che in media solo il 5% dei richiedenti ottiene lo status di rifugiato, altri ottengono la protezione umanitaria e sussidiaria (quest’ultima una cosa solo italiana); il 65% è costituito da migranti economici irregolari».

Calderoli: lo scorso anno arrivati in Italia 37mila nigeriani

«Solo nel 2016 sono arrivati ben 37mila immigrati nigeriani – aggiunge Calderoli – che, lo sappiamo bene non scappano da nessuna guerra, e lo stesso Gabrielli ha confermato che si tratta di immigrati economici e dunque irregolari: solo i nigeriani, da soli, ci costano quasi un miliardo per il loro mantenimento, giusto dunque rintracciarli il più rapidamente possibile ed espellerli il più rapidamente possibile».

Nigeriani, Calderoli: Alfano si svegli 

E poi aggiunge: «Se poi il ministro Alfano si svegliasse e cercasse di stipulare un accordo con la Nigeria per rispedire in patria tutti gli immigrati giunti in Italia dal 2014, la cifra si triplicherebbe e potremmo liberarci di circa centomila clandestini che non hanno ragione per restare in Italia».