Blitz a Ostiense, controlli a Garbatella, sequestri ovunque: primi disordini a Roma

E come ampiamente previsto,  sono già scattati i primi disordini, i primi blitz,  i primi fermi. Come ampiamente annunciato anarchici e violenti stanno scaldando i muscoli, pronti a mettere a ferro e fuoco la città. E in una capitale blindata e presidiata, alle otto e mezza del mattino un gruppetto incappucciato già costringeva le forze dell’ordine a un primo, massiccio intervento. Tutto sotto un cielo azzurro che indica una splendida giornata di sole, funestata dal pericolo di disordini che incombe sulla capitale, e di cui il continuo rombo degli elicotteri che sorvolano Roma non fanno che ricordare l’imminenza.

Blitz all’Ostiense

Il luogo del blitz è il Ponte Settimia Spizzichino a Ostiense dove, un gruppetto a volto coperto – erano circa in venti riporta il sito del Messaggero – hanno inscenato una forma di protesta “alternativa” piazzando sul ponte – uno dei target sensibili sotto osservazione – dopo aver recintato il luogo con abbondante filo spinato, hanno provveduto a piazzare sagome di cartone riproducenti agenti della polizia e cartelli stradali con le scritte “Frontex”, “Dogana” “Checkpoint e qualunque cosa potesse impedire l’accesso ordinato delle auto in transito in quei concitati momenti. Non solo: come riportato sempre in un dettagliato servizio del quotidiano romano, “durante la protesta è stato lanciato anche un fumogeno”. A messinscena completata, e all’arrivo degli agenti, il blitz ha avuto fine, e gli incappucciati sono fuggiti disperdendosi in più direzioni.

Controlli alla Garbatella

E non è ancora tutto: i vigili hanno appena fatto sapere che diversi pattugliamenti e controlli sarebbero in corso nel quartiere capitolino della Garbatella dopo che alcuni residenti hanno fatto sapere di aver intercettato diverse persone con il viso coperto sotto i passamontagna. E del resto, bastoni, maschere antigas e tondini di ferro sono già stati sequestrati alle prime luci del mattino su via Prenestina, dove, ancora una volta sono state trovate sagome in cartone di poliziotti in azione e altro filo spinato.

Fermi e sequestri a Roma nord

A Roma Nord, invece, durante controlli sul ciglio stradale sono stati fermati due furgoni: in uno dei due, alla cui guida è risultato esserci un uomo di Lecce, un volto noto alle forze dell’rodine per precedenti contro l’ordine pubblico, sono stati rinvenuti sostanze stupefacenti, coltelli e maschere antigas. Sull’altro, invece, con a bordo un italiano e una donna straniera, sono stati sequestrati diversi sacchi pieni di pigne, sul cui utilizzo possibile i due non hanno saputo dare spiegazioni. Infine, altri 4 giovani sono stati fermati a bordo di un’utilitaria che nascondeva fumogeni e indumenti utili a camuffarsi e nascondersi.