Asia Argento, dagli insulti alla Meloni all’addio alla Rai: ascolti flop

La gaffe con insulti a Giorgia Meloni non ha portato bene ad Asia Argento, costretta – secondo voci da viale Mazzini – a lasciare la conduzione di “Amore criminale“, il programma contro la violenza sulle donne in onda su Rai Tre. Ma la leader di Fratelli d’Italia non c’entra nulla con questa decisione della tv di Stato. Il problema sono gli scarsi ascolti che l’attrice, figlia del grande regista horror, sta facendo registrare nelle ultime puntate. La sua conduzione, troppo aggressiva e forse poco adatta a una difesa delle donne, non sembra gradita ai telespettatori: al suo posto arriverà Camila Raznovich, che in passato (dal 2007 al 2011) era già stata conduttrice del programma. Polemico era stato l’addio della precedente conduttrice, Barbara De Rossi, che aveva lasciato il posto alla Argento non senza una coda velenosa: “Non so quanto Asia Argento possa essere un riferimento rassicurante per le donne”. A quanto pare aveva ragione lei…

Asia Argento e la gaffe con Giorgia Meloni

Di sicuro non aveva giovato alla sua causa la polemica con la Meloni, e tantomeno alla sua immagine di paladina delle donne. “La schiena lardosa della ricca e svergognata”, era stata la didascalia a una foto su Twitter che Asia aveva “rubato” in un ristorante, con la Meloni (reduce da una gravidanza) ritratta di profilo mentre mangiava al tavolo di un ristorante di Roma. Tra le risposte anche quella della diretta interessata: “Mi ha molto colpito che abbia parlato della mia “schiena lardosa” – aveva detto la Meloni -. Lo pubblico per dire a tutte le donne che hanno partorito da pochi mesi e che per dimagrire non usano la cocaina di non prendersela se qualche poveretta fa dell’ironia sulla loro forma fisica. Valeva la pena mille volte di prendere qualche chilo. Ps. E sappiate che pagate il canone Rai anche per stipendiare gente di questa levatura”. Poi erano arrivate le scuse di Asia….