Aprile d’inferno per i contribuenti italiani: ecco la raffica di scadenze fiscali

Un aprile d’inferno per i contribuenti italiani. Versamento Iva, ritenute d’imposta, spesometro annuale e Instrastat. Ma anche la data limite per la rottamazione delle cartelle di Equitalia e il modello 730 del 2017, che a metà aprile sarà messo a disposizione dall’Agenzia delle Entrate. Aprile sarà caratterizzato da diverse scadenze fiscali, concentrate per lo più a partire dalla seconda metà del mese. Ecco, di seguito, quali saranno i principali adempimenti e gli appuntamenti con il fisco da non mancare:

 10 APRILE – SPESOMETRO ANNUALE. Il 10 aprile è prevista la scadenza dello spesometro annuale 2017 per i contribuenti Iva mensili, mentre i trimestrali avranno altri dieci giorni di tempo, ossia fino al 20 aprile. Entro queste date va comunicato lo spesometro annuale relativo al periodo d’imposta 2016.

15 APRILE – 730/2017 PRECOMPILATO. A partire dal 15 aprile l’Agenzia delle Entrate metterà a disposizione dei contribuenti i dati per la compilazione del modello 730/2017 precompilato. Coloro che sono interessati a utilizzare tale modello possono farlo tramite il servizio Fisconline dell’Agenzia delle Entrate.

18 APRILE – IVA, IRPEF E RITENUTE D’ACCONTO. Quest’anno Pasqua e Pasquetta ricorreranno rispettivamente il 16 e il 17 aprile, facendo slittare le scadenze Iva, Irpef per le imprese e ritenute d’acconto del mese al 18 aprile. Per i versamenti Iva di marzo 2017 si tratta dell’ultimo giorno utile per liquidare l’imposta dovuta tramite il modello F24. Utilizzando l’F24 è si possono pagare inoltre i contributi Inps sulle retribuzioni corrisposte dal datore di lavoro nel mese di marzo.

21 APRILE – ROTTAMAZIONE CARTELLE EQUITALIA. La scadenza per rottamare le cartelle Equitalia e pagare il dovuto al netto di more e sanzioni era fissata al 31 marzo 2017. Il Consiglio dei ministri ha però dato il via libera al decreto legge che proroga al 21 aprile i termini per la definizione agevolata dei carichi affidati all’agenzia di riscossione dal 2000 al 2016. I contribuenti avranno dunque tempo fino al 21 aprile per rottamare le proprie cartelle.

26 APRILE – INTRASTAT. Il 26 aprile è la data limite per i contribuenti intracomunitari con obbligo mensile che devono presentare gli elenchi riepilogativi delle cessioni di beni e delle prestazioni di servizi rese nel mese precedente nei confronti di soggetti UE. La presentazione all’Agenzia delle Dogane si effettua esclusivamente in via telematica tramite il servizio telematico doganale E.D.I., oppure all’Agenzia delle Entrate sempre mediante invio telematico.