Tutti contro Trump, ma è sempre lui la superstar: pure al Carnevale di Viareggio (video)

È un grande protagonista della scena internazionale e non poteva cerco mancare sul palconscenico del Carnevale di Viareggio dove il ricco carnet di appuntamenti è appena stato inaugurato. E così, come era facilmente prevedibile, tra i debutti eccellenti in cartapesta non è passato inosservato quello di Donald Trump, rivisitato in maniera non proprio originale nell’atto di urlare mentre la pettinatura si scompiglia al vento sulle note dell’inno nazionale. 

Donald Trump debutta al Carnevale di Viareggio

Solite recriminazioni, solite parodie, quelle intestate al magnate Usa appena eletto presidente degli States, pronte a graffiarne l’immagine a colpi di attacchi estetici e polemiche stantie: le invettive degli avversari politici, la fronda dell’establishment hollywoodiano, il gossip non accreditato e la sua ostinata forza ad andare avanti e realizzare quanto promesso in campagna elettorale, fomentano una satira che non è più una satira, ma una ben più astiosa operazione di demolizione di un personaggio che, piaccia o non piaccia, è stato votato ed incaricato a furor di popolo. Un gigante della scena contro cui poteri forti e leader stranieri continuano a remare contro ma che, pettinatura o non pettinatura, maschere di cartapesta o maschere cosmetiche a parte, si staglia in tutta la sua prorompente statura anche sui carri allegorici del Carnevale di Viareggio, guardando dall’alto in basso i protagonisti della scena politica di casa nostra che, da Gentiloni alla sindaca Raggi, vicino alla lui – e persino al suo clone di cartapesta – appaiono sempre meno appariscenti…