Trump al premier canadese: lavoriamo insieme contro il terrorismo

Dieci giorni dopo il loro primo incontro alla Casa Bianca, il presidente americano Donald Trump ed il premier canadese Justin Trudeau hanno avuto ieri sera una conversazione telefonica, per ribadire «la forte cooperazione bilaterale degli Stati Uniti con il Canada». Trump, si legge in una nota della Casa Bianca, ha sottolineato “l’importanza delle relazioni” tra i due Paesi per affrontare i problemi dinanzi ai quali si trovano di fronte Stati Uniti e Canada, come le opportunità. «A questo fine, Trump ha evidenziato l’importanza di lavorare strettamente con il Canada sulle questioni collegate ai confini – conclude la nota – tra cui l’attuazione delle azioni dell’amministrazione per proteggere l’America da attacchi terroristici di cittadini stranieri o altri».

Trump e il traffico commerciale con il Canada

Durante l’incontro del 13 febbraio i due presidenti avevano discusso anche di scambi commerciali e di libero flusso di beni e servizi tra Ottawa e Washington. Nel 2015, il traffico bilaterale di merci e servizi ha toccato quasi i 670 miliardi di dollari: il Canada ha importato merci e servizi per un valore di 338 miliardi di dollari, esportandone 332 miliardi.  Secondo quanto rende noto l’Istat canadese, un settimo dei posti di lavoro in Canada (pari a 2,7 milioni di persone) dipende dal commercio con gli Stati Uniti.