Si sfidano con le auto, uccidono un uomo. Doppio ergastolo in Germania

Doppio ergastolo per due ragazzi che si sono sfidati in una gara di velocità in auto. Dalla Germania arriva una sentenza senza precedenti: duplice ergastolo per omicidio stradale. Il giudice, Ralph Ehestädt, ha comminato il massimo della pena a due giovani che si sfidavano in una gara di velocità perché «avrebbero dovuto tener conto dell’eventualità che qualcuno potesse rimanere ucciso, pur non avendone l’intenzione». Una pena esemplare che fa riflettere e desterà polemiche.  

Doppio ergastolo per incidente stradale

I due ragazzi (che nella loro folle corsa per le vie di Berlino avevano causato la morte di un anziano al volante di una Jeep)  ora dovranno scontare l’ergastolo, che in Germania equivale a un minimo di 15 anni di reclusione in carcere. Per il tribunale che li ha giudicati, i giovani hanno utilizzato le rispettive auto come “armi”, come “mezzi in grado di provocare un pericolo pubblico”. Una sfida per dimostrare di essere qualcuno, ha spiegato Haiko Ackermann, psicologo del traffico. «Quando hai delle auto da 400 o 500 cavalli tutto quello che serve è spingere un po’ il piede e si può mostrare di avere un potere enorme. Quello che molti non riescono a fare nella vita professionale o personale». L’incidente che causò la morte di un uomo di69 anni provocò numerose polemiche, che coinvolsero anche l’amministrazione locale.  «È una notizia clamorosa – ha commentato Giordano Biserni, presidente dell’Asaps – per quelli che dicono che le pene per l’omicidio stradale in Italia sono esagerate…”.