I semi dell’odio: nelle carceri rivolta anti-Trump. E ci scappa il morto

Una guardia carceraria è rimasta uccisa ed un’altra è rimasta ferita a seguito di una presa di ostaggi in un carcere del Delaware. Secondo quanto riferito da media locali, nell’istituto sarebbe in corso una rivolta, con i detenuti che protestano contro il presidente Donald Trump. Tutto è cominciato ieri mattina, quando un gruppo di detenuti ha preso in ostaggio agenti di custodia e altri detenuti. Quattro agenti della polizia penitenziaria sono ancora in ostaggio nel carcere di massima sicurezza di Smyrna. Il fatto è avvenuto nel Vaughn Correctional Center in seguito a una rivolta dei detenuti, alcuni dei quali avrebbero preso il controllo parziale del penitenziario, che ospita circa 2.500 detenuti alcuni dei quali in regime di massima sicurezza. In seguito alcuni detenuti sono stati rilasciati, ma quando la polizia ha liberato un settore, è stato trovato l’agente senza vita, mentre un altro è rimasto ferito. Non è ancora chiara la dinamica dell’incidente, anche perché l’operazione è ancora in corso. In una concitata telefonata con i sequestratori, questi hanno fatto sapere che stanno attuando questa rivolta per colpa di Donald Trump, perché sanno che le condizioni dell’istituto carcerario andranno a peggiorare…

(foto Wp)