Sarkozy a giudizio. Spese illegali per la campagna elettorale del 2012

Sarà processato l’ex presidente della Repubblica francese. Il giudice istruttore francese Serge Tournaire ha disposto infatti il rinvio a giudizio dell’ex presidente Nicolas Sarkozy e altri 13 protagonisti dell’inchiesta sulle spese della campagna elettorale durante le presidenziali 2012. L’inchiesta è legata a quella sulle false fatture della società Bygmalion. La procura accusa Sarkozy di aver superato il massimo autorizzato di spesa nella campagna per la  sua rielezione, persa con la sconfitta subita per mano di François Hollande.

Sarkozy rinviato a giudizio

Il partito di Sarkozy, l’Ump, ora ribattezzato Les Républicains, avrebbe coperto spese di campagna elettorale con fatture false per non superare il limite di 22,5 milioni di euro. Sarkozy ha sempre preso le distanze dalle accuse contestategli. L’ex presidente è stato sconfitto alle recenti primarie della destra in vista delle prossime presidenziali vinte da François Fillon, a sua volta travolto ora da uno scandalo per presunti impieghi fittizi alla moglie e ai figli. Un’altra tegola per l’ex campione della rupture, un aiutino, forse, per la leader del Front national, Marine Le Pen, in corsa alle presidenziali di primavera e con ottime chance di arrivare al ballottaggio.