Rubavano nei negozi i mattoncini Lego armati di pistole giocattolo. A 16 anni

Cinque adolescenti, il più grande ha 16 anni, che entravano all’improvviso nei negozi di casalinghi per rapina. Il bottino era un gran numero di mattoncini Lego e giocattoli. Il tutto nel quartiere Tuscolano, a Roma. Dopo tre settimane di indagini gli agenti della polizia di Stato, hanno notificato ai ragazzi la misura della ”permanenza in casa” che ha, di fatto, posto fine alle loro scorribande. Non potranno uscire da casa e le uniche persone con cui potranno parlare nei prossimi giorni saranno i familiari e gli assistenti sociali a cui sono stati affidati dalla magistratura specializzata.

Gli adolescenti arraffavano la merce e poi fuggivano

I minori entravano nei negozi, arraffavano merce di loro gusto e scappavano. Tra gli oggetti rapinati, oltre ad alcuni caricabatterie di cellulari, hanno rubato delle scatole di mattoncini “Lego” e bombolette di vernice spray. In un’occasione, per assicurarsi la fuga, i ragazzini hanno ”sparato” al negoziante con una pistola giocattolo a pallini e lo hanno anche colpito con calci e pugni. Le indagini, particolarmente delicate vista l’età degli autori, sono state condotte dalla squadra di polizia giudiziaria del commissariato
Tuscolano, diretto da Giovanni Di Sabato.