Roma, sull’uomo col tirapugni botta e risposta tra Fn e questura (video)

La giornata di disordini a Roma tra manifestanti pro-tassisti e forze dell’ordine si è conclusa con 4 fermi. L’Ansa riferisce che due sono appartenenti a Forza Nuova tra cui il leader romano Giuliano Castellino. Fermato anche l’autore del lancio della bomba carta in via Aquiro, nei pressi di Montecitorio. Quattro agenti della polizia sono rimasti feriti, mentre sono tre i manifestanti che hanno fatto ricorso alle cure mediche. Oggi Castellino ha diffuso sulla pagina Fb di Forza Nuova Roma un video dove compare a fianco di un altro militante e dice: “Siamo ancora qui, su strada, a dispetto della repressione, contro chi diffonde menzogne. Boia chi molla”. 


 

Poco si sa degli sviluppi sulle indagini relative agli scontri di ieri pomeriggio nel centro di Roma dopo che un gruppo di manifestanti aveva scandito slogan sotto la sede del Pd generando una carica della polizia. E’ certo che oggi su tutte le prime pagine dei giornali c’è in bella vista la foto di un manifestante con il tirapugni indicato come un’estremista di destra. Forza Nuova già nella serata di ieri ha accusato l’uomo di essere un poliziotto. Tesi che è rimbalzata su centinaia di bacheche Fb di militanti e simpatizzanti della destra radicale. La questura di Roma in risposta ha diffuso una nota nella quale precisa “che l’uomo con un tirapugni che appare in alcune fotografie, divulgate su diversi siti on line, è un venditore ambulante. Fermato dalle forze dell’ordine, l’uomo è stato identificato; ex militante di estrema destra, la sua posizione è al vaglio degli inquirenti”.

 

https://www.youtube.com/watch?v=hwq84MESXVs