«Renzi è stato arrogante e inesperto. Ora si faccia da parte»

«Matteo Renzi è stato arrogante come leader del Pd, lo è ancora. Ma con noi non può più farlo. Chi stafondando un nuovo grande movimento non è spinto da un burattinaio ma dalla volontà di essere sinistra, una sinistra larga, quella che Renzi voleva ridurre a minoranza etnica». Lo afferma Enrico Rossi, presidente della Regione Toscana e fondatore del movimento Democratici e Progressisti.

“Renzi è ossessionato da D’Alema”

«Renzi è ossessionato da D’Alema – aggiunge Rossi – Se pensa che noi, e soprattutto io, gli facciamo fare incursioni nel nostro campo per dividerci sbaglia. Fra Renzi e D’Alema, preferisco D’Alema». «D’Alema non è in prima linea nella battaglia politica, sta invece dando un contributo di idee e di analisi – osserva Rossi – E a noi il confronto delle idee non fa paura».

“Se Orlando batte Renzi alla primarie, dialogo con Dp più facile”

Una posizione ribadita dal governatore della Toscana in un’intervista a Repubblica: «Ho sempre detto che il Pd rimane per noi un interlocutore fondamentale. Va da sé che, se Orlando vincesse le primarie, il dialogo sarebbe più facile». Per Rossi il nuovo schieramento dei Democratici e Progressisti comunque aspira a diventare la forza di maggioranza del centrosinistra. Non sarà ovviamente un percorso di breve periodo». «Ma dai primi sondaggi si vede che il nuovo soggetto diversifica l’offerta del centrosinistra, ferma la crescita dei 5 Stelle e recupera nell’astensione. In sostanza, allarga l’area del centrosinistra, perché recupera quei voti che il Pd non prende più».